Italian English French German Japanese Spanish
USA: una casa sull'albero di 10 piani

USA: una casa sull'albero di 10 piani

Avete mai costruito una casa sull'albero quando eravate piccoli? Qualcuno, in 11 anni, è riuscito...

Storie del Sud in 120 fotografie

Storie del Sud in 120 fotografie

In occasione dei 10 anni di attività, il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo...

Il Modigliani parigino a Pisa

Il Modigliani parigino a Pisa

Amedeo Modigliani, nato a Livorno nel 1884, annunciatore di una bohème artistica che ha...

Toledo

Toledo

Toledo è una delle città spagnole più ricche di monumenti. Conosciuta come “la città delle tre...

Arriva la

Arriva la "Superluna Rosa"

Il 23 giugno 2013 la Luna sarà la più grande dell’anno. Quel giorno infatti si troverà nel punto...

Curiosity su Marte con un po’ di Italia

Curiosity su Marte con un po’ di Italia

Alle 7.31 (ora italiana) di lunedì 6 agosto il rover Curiosity della Nasa atterrerà su Marte alla...

Firenze

Firenze

Una città ricca di arte, storia e tradizione  Firenze conserva un eccezionale patrimonio...

Imperia

Imperia

La visita di Porto Maurizio parte dal quartiere medievale, il Parasio. Il nucleo più antico della...

Matisse e la fascinazione dell’Oriente

Matisse e la fascinazione dell’Oriente

Con la grande mostra Matisse. Arabesque le Scuderie del Quirinale presentano circa 100...

Escher in mostra al Chiostro del Bramante

Escher in mostra al Chiostro del Bramante

Il Chiostro del Bramante, dal 20 settembre 2014 al 22 febbraio 2015, ospiterà la mostra romana...

VeloLove: la Festa nazionale dei ciclisti urbani

VeloLove: la Festa nazionale dei ciclisti urbani

Spostarsi in città per lavoro, per passione, per il tempo libero, ad ogni età, con qualsiasi tipo...

Perché le bottiglie di vino hanno il fondo che rientra?

Perché le bottiglie di vino hanno il fondo che rientra?

Perché il fondo fatto in questo modo (a "campana") consente di raccogliere i depositi del vino....

Perchè il primo di aprile è dedicato agli scherzi?

Perchè il primo di aprile è dedicato agli scherzi?

Fino al XVI secolo, in Francia, il primo giorno dell’anno era il 25 marzo. I festeggiamenti...

Qual è lo stadio più grande del mondo?

Qual è lo stadio più grande del mondo?

Lo stadio più grande del mondo (in termini di capacità) è il Rungrado May Day Stadium di...

Ri-conoscere Michelangelo

Ri-conoscere Michelangelo

In occasione delle celebrazioni per i quattrocentocinquanta anni dalla morte di Michelangelo...

Il Festival della Fotografia Etica

Il Festival della Fotografia Etica

Il 17 ottobre 2014 riapre a Lodi il Festival della Fotografia Etica. La manifestazione,...

Agrigento

Agrigento

Tra antiche rovine e architetture barocche, spiagge cristalline e isole meravigliose, acque...

Madrid

Madrid

Madrid, capitale della Spagna, è una città cosmopolita che affianca moderne infrastrutture e la...

Olbia-Tempio

Olbia-Tempio

Olbia:Olbia, chiamata dai greci città felice, è affacciata sul golfo che racchiude le bellissime...

Asti

Asti

Asti, costruita sulla sponda sinistra del Tanaro, vicino alla confluenza col torrente Borbore,...

Belluno

Belluno

La sua posizione nel cuore della Valbelluna, circondata dalle maestose vette delle Dolomiti,...

Perchè si dice

Perchè si dice "fumare come un turco"?

Il modo di dire “Fumare come un turco”  ha una correlazione con la realtà storica. In...

Il genio di Leonardo da Vinci a Valmontone

Il genio di Leonardo da Vinci a Valmontone

(Valmontone, 20 Luglio - 19 Settembre 2012) Il genio di Leonardo da Vinci è approdato a...

La 64ª Sagra del Carciofo Romanesco

La 64ª Sagra del Carciofo Romanesco

A Ladispoli ci sarà anche quest'anno la grande manifestazione enogastronomica a cui...

Catania

Catania

L’Etna la domina dall’alto, ne disegna i contorni del paesaggio, le offre la sua terra per...

Valencia

Valencia

Valencia è una delle poche città al mondo in grado di far convivere armonicamente le vestigia...

Festa della mamma: corsa in tacchi a spillo dal Piemonte alla Sicilia

Festa della mamma: corsa in tacchi a spillo dal Piemonte alla Sicilia

(Capriate San Gervasio, 5 Maggio 2012) Tacchi a spillo alti almeno 6 cm, sportive, ma...

Una Borsa per il turismo enogastronomico

Una Borsa per il turismo enogastronomico

Si apre domani a Torino la Borsa Internazionale del Turismo Enogastronomico (Biteg), la quinta...

Falun 2015: gli azzurri ai Mondiali di Sci Nordico

Falun 2015: gli azzurri ai Mondiali di Sci Nordico

Per la quinta volta Falun ospiterà i mondiali di sci nordico dal 19 febbraio fino al 1 marzo...

Vibo Valencia

Vibo Valencia

Vibo Valentia, città calabrese, già capoluogo dell’antica Calabria Ultra, attuale capoluogo della...

Perchè gli orsi vivono solo al Polo Nord e i pinguini solo al Polo Sud?

Perchè gli orsi vivono solo al Polo Nord e i pinguini solo al Polo Sud?

I motivi sono due: il primo è dato dal fatto che gli orsi polari divorano tutto ciò che gli passi...

Perché al mare sono sempre più frequenti le “invasioni” di meduse?

Perché al mare sono sempre più frequenti le “invasioni” di meduse?

Per colpa delle mutate condizioni ambientali gli "attacchi" delle meduse nei mari del mondo e non...

Perchè incrociamo le dita in segno scaramantico?

Perchè incrociamo le dita in segno scaramantico?

Lo scopo originario era quello di richiedere una protezione divina; si tratterebbe, infatti, di...

Obey in mostra a Napoli

Obey in mostra a Napoli

Al PAN - Palazzo delle Arti di Napoli, , si può ammirare l’opera di Shepard Fairey, uno dei più...

Isernia

Isernia

Isernia, città millenaria, sorge su una collina da dove domina due vallate solcate l'una dal...

Balle, errori e sviste per l’approdo al metodo scientifico

Balle, errori e sviste per l’approdo al metodo scientifico

La mostra “Balle di Scienza, storie di errori prima e dopo Galileo” racconta come gli errori...

Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti

Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti

Dopo il grande successo alla Pinacothèque de Paris e al Palazzo Reale di Milano, la mostra...

Reggio Emilia

Reggio Emilia

Reggio, o città del Tricolore in quanto qui, nel 1797, fu adottato il vessillo che divenne poi...

L’impulso creativo di Miró

L’impulso creativo di Miró

Sono esposte 53 opere del grande artista catalano tra cui oli di sorprendente bellezza, arazzi...

Genova

Genova

Genova occupa una posizione geografica invidiabile, arrampicata sulle colline e nello stesso...

Cuneo

Cuneo

Cuneo (Coni in piemontese) è un comune di 55.201 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia....

Fumetto di: Cinzia Clocchiatti

Fumetto di: Cinzia Clocchiatti

(Visita il blog di Cinzia!)  Clicca sul fumetto per ingrandirlo

Medio Campidano

Medio Campidano

La provincia del Medio Campidano (provìntzia de su Campidanu de Mesu in sardo) è una provincia...

Perchè le stelle tremolano?

Perchè le stelle tremolano?

Quando si osservano le stelle nel cielo notturno si ha l'impressione che queste tremolino. La...

Perché se bevo un litro non aumento di un kg?

Perché se bevo un litro non aumento di un kg?

La correlazione tra il peso di ciò che si mangia e l’aumento di peso corporeo a fine pasto è...

La 7ª Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate

La 7ª Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate

Il 2 marzo 2014 si terrà in tutta Italia la 7ª Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate,...

Rimini

Rimini

Da oltre 160 anni, Rimini è nei ricordi e nei sogni di generazioni di vacanzieri. Il segreto del...

Rieti

Rieti

Rieti è una città che esiste prima di Roma e le sue origini risalgono all' inizio dell' età del...

Matisse: la forza della linea, l’emozione del colore

Matisse: la forza della linea, l’emozione del colore

Il genio di Matisse ha cambiato il corso dell’arte del Novecento, imprimendo la sua visione nuova...

Le Gemme dell’Impressionismo: 68 opere in mostra

Le Gemme dell’Impressionismo: 68 opere in mostra

Inaugurata il 23 ottobre, e aperta al pubblico fino al 23 febbraio 2014, la mostra “Gemme...

Fumetto di: Cinzia Clocchiatti

Fumetto di: Cinzia Clocchiatti

                &nbs...

Ancona

Ancona

La Provincia di Ancona è delimitata lungo il litorale adriatico dai fiumi a nord Cesano e sud...

Pavia

Pavia

Sulla confluenza tra il Ticino e il Po, Pavia è una città che conserva un’impronta medioevale,...

Cosenza

Cosenza

Cosenza, nota anche come "città dei Bruzi", è un comune italiano di 69.955 abitanti, capoluogo...

Perché la luce attira gli insetti?

Perché la luce attira gli insetti?

Il fenomeno riguarda esclusivamente gli insetti notturni anche perché quelli diurni sono abituati...

Perché la Luna ci mostra sempre la stessa faccia?

Perché la Luna ci mostra sempre la stessa faccia?

La Luna ci mostra sempre la stessa faccia in quanto impiega lo stesso tempo nel compiere una...

Alla scoperta di un Vanvitelli segreto

Alla scoperta di un Vanvitelli segreto

Gli appartamenti storici del Palazzo Reale di Caserta ospitano fino al 31 ottobre 2014 la mostra...

Qual è il volo di linea più lungo del mondo? E il più breve?

Qual è il volo di linea più lungo del mondo? E il più breve?

Il volo di linea senza scalo più lungo del mondo è il Newark - Singapore della compagnia aerea...

Le antenate delle frappe: le “frictilia”

Le antenate delle frappe: le “frictilia”

Chi sono le antenate delle frappe? La tradizione pare farci risalire fino alle frictilia, dolci...

Sagra dell’Uva di Marino: parte l'88ª edizione

Sagra dell’Uva di Marino: parte l'88ª edizione

(Marino, 7 Ottobre 2012) Domenica 7 ottobre 2012 sarà la giornata principale dell’88ª edizione...

Falcone e Borsellino vent'anni dopo

Falcone e Borsellino vent'anni dopo

(Palermo) A vent'anni dalle stragi in cui morirono i magistrati Giovanni Falcone e Paolo...

Vicenza

Vicenza

Dal 1994 dichiarata Patrimonio Universale dell'Umanità dall'Unesco, Vicenza è ornata da una...

Sassari

Sassari

Sassari è il più importante centro del nord della Sardegna, sia per la sua storia che per le...

Perché si dice

Perché si dice "A bizzeffe"?

A bizzeffe è un'espressione della lingua italiana, abbastanza frequente nel lessico colloquiale e...

Pisa

Pisa

Itinerari nell'antica repubblica marinaraAgli Etruschi risalirebbe il nome Pisa, il cui...

Perché alcuni paesi hanno la guida a sinistra?

Perché alcuni paesi hanno la guida a sinistra?

Ci sono numerose motivazioni, più o meno fantasiose, sul perché alcuni paesi hanno la guida a...

A occhi aperti: le foto che hanno fatto la Storia sbarcano a Roma

A occhi aperti: le foto che hanno fatto la Storia sbarcano a Roma

“Cosa potremmo sapere, cosa potremmo immaginare, cosa potremmo ricordare dell’invasione sovietica...

La Spezia

La Spezia

Il biglietto da visita di Spezia è il Castello di San Giorgio. Si tratta di una fortezza composta...

Fumetto di: Cinzia Clocchiatti

Fumetto di: Cinzia Clocchiatti

                &nbs...

Biblioteche e Archivi da visitare nella Domenica di Carta

Biblioteche e Archivi da visitare nella Domenica di Carta

Domenica 5 Ottobre 2014 si tiene la manifestazione nazionale "Domenica di Carta 2014: la voce...

Venezia

Venezia

Venezia è una città che si specchia nell'acqua, e l'immagine che restituisce si ritrova...

Berlino

Berlino

Metropoli nel cuore dell'Europa, città creativa e vivace come non mai, magnete per milioni di...

Rosso Fiorentino, Rosso Vivo

Rosso Fiorentino, Rosso Vivo

“Rosso Fiorentino. Rosso Vivo. La Deposizione, la Storia, il ‘900, il Contemporaneo”, promosso...

Perugia

Perugia

Capoluogo di Regione, Perugia è un’antica città situata nell’area centro-settentrionale...

Vercelli

Vercelli

Situata lungo un importante asse viario dell'economia antica diretto al valico del San Bernardo,...

Il racconto dell’

Il racconto dell’ "occhio del secolo”, Henri Cartier-Bresson

Più di cinquecento tra fotografie, disegni, dipinti, film e documenti propongono la più ampia...

Catanzaro

Catanzaro

Catanzaro (98.671 abitanti, censimento provvisorio 2006) è la Città Capoluogo della Regione...

Lucca

Lucca

Una città monumentale ancora avvolta da mura intatte che racchiudono tesori uniciE' la sola ad...

Perché il gorilla si batte il petto ?

Perché il gorilla si batte il petto ?

Il gorilla è un animale grande e possente, dal caratteristico pelo nero e folto. Nonostante la...

Craig Alan: l'artista “illusionista”

Craig Alan: l'artista “illusionista”

A prima vista, le opere di Craig Alan sembrano delle fotografie. In realtà si tratta di dipinti...

Ciminna: Notte Bianca per grandi e piccini

Ciminna: Notte Bianca per grandi e piccini

(Ciminna, 28 Luglio 2012) Manca poco per il taglio del nastro della sesta edizione della Notte...

Trento

Trento

Incastonata nel cuore delle Alpi, la città si sviluppò al tempo dei Romani. E di quel periodo...

Le donne del digiuno contro la mafia

Le donne del digiuno contro la mafia

“Ecco, oggi, in virtù delle fotografie di Francesco Francaviglia, i volti d’alcuni di quelli...

David Bowie: grande retrospettiva a Berlino

David Bowie: grande retrospettiva a Berlino

Manoscritti, foto, video, costumi, strumenti: 300 cimeli per “David Bowie”, la grande...

Strisce pedonali luminose, di Swarovski o inesistenti

Strisce pedonali luminose, di Swarovski o inesistenti

Per combattere l’aumento degli incidenti stradali in città, in diverse parti del mondo è stato...

Perché si parla nel sonno?

Perché si parla nel sonno?

Parlare nel sonno (somniloquio) è una normale manifestazione dell’attività notturna del cervello,...

Teramo

Teramo

Situata a 20 Km dall'Adriatico e prossima alle rocce del Gran Sasso d'Italia (2912 m.) Teramo,...

Perchè il calcio é uno dei giochi più antichi?

Perchè il calcio é uno dei giochi più antichi?

I primi ad utilizzare una palla di gomma di caucciu' in un gioco di squadra furono i Mexica,...

I capolavori del Musée d’Orsay

I capolavori del Musée d’Orsay

Dal 22 febbraio all’8 giugno 2014 il Complesso del Vittoriano presenta la grande mostra “Musée...

Piacenza

Piacenza

Nella tranquilla città di provincia, alla quieta dimensione umana del vivere e ai piaceri della...

Treviso

Treviso

Treviso è una città da visitare in ogni stagione, con il passo lento di chi vuole assaporarne...

Brescia

Brescia

Detta la Leonessa d'Italia per il coraggio dimostrato nel corso delle 10 giornate di insurrezione...

Perché al telefono si dice “pronto”?

Perché al telefono si dice “pronto”?

Su questo argomento non è possibile dare una risposta certa, ma si sono formulate varie ipotesi....

Lecce

Lecce

Lecce e la sua provincia,spesso identificata come Salento, è il tacco d’Italia, proteso fra due...

Padova

Padova

Un viaggio tra passato e presente, tra la storia millenaria, le tradizioni e l'arte: questa è...

La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento

La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento

Un nuovo ed ampio progetto espositivo, firmato da Marco Goldin per la città di Vicenza, che si...

Siracusa

Siracusa

Siracusa, terra delle meraviglie. Echi di civiltà antiche aleggiano ancora nelle...

Grosseto

Grosseto

La capitale della Maremma: storia, mare e terra di agricoltoriNel reticolo della città moderna si...

Ragusa

Ragusa

È una terra disegnata dall’uomo. Luoghi plasmati dal duro lavoro dei contadini che da questa...

  • USA: una casa sull'albero di 10 piani

    USA: una casa sull'albero di 10 piani

  • Storie del Sud in 120 fotografie

    Storie del Sud in 120 fotografie

  • Il Modigliani parigino a Pisa

    Il Modigliani parigino a Pisa

  • Toledo

    Toledo

  • Arriva la

    Arriva la "Superluna Rosa"

  • Curiosity su Marte con un po’ di Italia

    Curiosity su Marte con un po’ di Italia

  • Firenze

    Firenze

  • Imperia

    Imperia

  • Matisse e la fascinazione dell’Oriente

    Matisse e la fascinazione dell’Oriente

  • Escher in mostra al Chiostro del Bramante

    Escher in mostra al Chiostro del Bramante

  • VeloLove: la Festa nazionale dei ciclisti urbani

    VeloLove: la Festa nazionale dei ciclisti urbani

  • Perché le bottiglie di vino hanno il fondo che rientra?

    Perché le bottiglie di vino hanno il fondo che rientra?

  • Perchè il primo di aprile è dedicato agli scherzi?

    Perchè il primo di aprile è dedicato agli scherzi?

  • Qual è lo stadio più grande del mondo?

    Qual è lo stadio più grande del mondo?

  • Ri-conoscere Michelangelo

    Ri-conoscere Michelangelo

  • Il Festival della Fotografia Etica

    Il Festival della Fotografia Etica

  • Agrigento

    Agrigento

  • Madrid

    Madrid

  • Olbia-Tempio

    Olbia-Tempio

  • Asti

    Asti

  • Belluno

    Belluno

  • Perchè si dice

    Perchè si dice "fumare come un turco"?

  • Il genio di Leonardo da Vinci a Valmontone

    Il genio di Leonardo da Vinci a Valmontone

  • La 64ª Sagra del Carciofo Romanesco

    La 64ª Sagra del Carciofo Romanesco

  • Catania

    Catania

  • Valencia

    Valencia

  • Festa della mamma: corsa in tacchi a spillo dal Piemonte alla Sicilia

    Festa della mamma: corsa in tacchi a spillo dal Piemonte alla Sicilia

  • Una Borsa per il turismo enogastronomico

    Una Borsa per il turismo enogastronomico

  • Falun 2015: gli azzurri ai Mondiali di Sci Nordico

    Falun 2015: gli azzurri ai Mondiali di Sci Nordico

  • Vibo Valencia

    Vibo Valencia

  • Perchè gli orsi vivono solo al Polo Nord e i pinguini solo al Polo Sud?

    Perchè gli orsi vivono solo al Polo Nord e i pinguini solo al Polo Sud?

  • Perché al mare sono sempre più frequenti le “invasioni” di meduse?

    Perché al mare sono sempre più frequenti le “invasioni” di meduse?

  • Perchè incrociamo le dita in segno scaramantico?

    Perchè incrociamo le dita in segno scaramantico?

  • Obey in mostra a Napoli

    Obey in mostra a Napoli

  • Isernia

    Isernia

  • Balle, errori e sviste per l’approdo al metodo scientifico

    Balle, errori e sviste per l’approdo al metodo scientifico

  • Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti

    Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti

  • Reggio Emilia

    Reggio Emilia

  • L’impulso creativo di Miró

    L’impulso creativo di Miró

  • Genova

    Genova

  • Cuneo

    Cuneo

  • Fumetto di: Cinzia Clocchiatti

    Fumetto di: Cinzia Clocchiatti

  • Medio Campidano

    Medio Campidano

  • Perchè le stelle tremolano?

    Perchè le stelle tremolano?

  • Perché se bevo un litro non aumento di un kg?

    Perché se bevo un litro non aumento di un kg?

  • La 7ª Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate

    La 7ª Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate

  • Rimini

    Rimini

  • Rieti

    Rieti

  • Matisse: la forza della linea, l’emozione del colore

    Matisse: la forza della linea, l’emozione del colore

  • Le Gemme dell’Impressionismo: 68 opere in mostra

    Le Gemme dell’Impressionismo: 68 opere in mostra

  • Fumetto di: Cinzia Clocchiatti

    Fumetto di: Cinzia Clocchiatti

  • Ancona

    Ancona

  • Pavia

    Pavia

  • Cosenza

    Cosenza

  • Perché la luce attira gli insetti?

    Perché la luce attira gli insetti?

  • Perché la Luna ci mostra sempre la stessa faccia?

    Perché la Luna ci mostra sempre la stessa faccia?

  • Alla scoperta di un Vanvitelli segreto

    Alla scoperta di un Vanvitelli segreto

  • Qual è il volo di linea più lungo del mondo? E il più breve?

    Qual è il volo di linea più lungo del mondo? E il più breve?

  • Le antenate delle frappe: le “frictilia”

    Le antenate delle frappe: le “frictilia”

  • Sagra dell’Uva di Marino: parte l'88ª edizione

    Sagra dell’Uva di Marino: parte l'88ª edizione

  • Falcone e Borsellino vent'anni dopo

    Falcone e Borsellino vent'anni dopo

  • Vicenza

    Vicenza

  • Sassari

    Sassari

  • Perché si dice

    Perché si dice "A bizzeffe"?

  • Pisa

    Pisa

  • Perché alcuni paesi hanno la guida a sinistra?

    Perché alcuni paesi hanno la guida a sinistra?

  • A occhi aperti: le foto che hanno fatto la Storia sbarcano a Roma

    A occhi aperti: le foto che hanno fatto la Storia sbarcano a Roma

  • La Spezia

    La Spezia

  • Fumetto di: Cinzia Clocchiatti

    Fumetto di: Cinzia Clocchiatti

  • Biblioteche e Archivi da visitare nella Domenica di Carta

    Biblioteche e Archivi da visitare nella Domenica di Carta

  • Venezia

    Venezia

  • Berlino

    Berlino

  • Rosso Fiorentino, Rosso Vivo

    Rosso Fiorentino, Rosso Vivo

  • Perugia

    Perugia

  • Vercelli

    Vercelli

  • Il racconto dell’

    Il racconto dell’ "occhio del secolo”, Henri Cartier-Bresson

  • Catanzaro

    Catanzaro

  • Lucca

    Lucca

  • Perché il gorilla si batte il petto ?

    Perché il gorilla si batte il petto ?

  • Craig Alan: l'artista “illusionista”

    Craig Alan: l'artista “illusionista”

  • Ciminna: Notte Bianca per grandi e piccini

    Ciminna: Notte Bianca per grandi e piccini

  • Trento

    Trento

  • Le donne del digiuno contro la mafia

    Le donne del digiuno contro la mafia

  • David Bowie: grande retrospettiva a Berlino

    David Bowie: grande retrospettiva a Berlino

  • Strisce pedonali luminose, di Swarovski o inesistenti

    Strisce pedonali luminose, di Swarovski o inesistenti

  • Perché si parla nel sonno?

    Perché si parla nel sonno?

  • Teramo

    Teramo

  • Crème brûlée

    Crème brûlée

  • Perchè il calcio é uno dei giochi più antichi?

    Perchè il calcio é uno dei giochi più antichi?

  • I capolavori del Musée d’Orsay

    I capolavori del Musée d’Orsay

  • Piacenza

    Piacenza

  • Treviso

    Treviso

  • Brescia

    Brescia

  • Perché al telefono si dice “pronto”?

    Perché al telefono si dice “pronto”?

  • Lecce

    Lecce

  • Padova

    Padova

  • La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento

    La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento

  • Siracusa

    Siracusa

  • Grosseto

    Grosseto

  • Ragusa

    Ragusa

Perugia Social Photo Fest, verso la terza edizione

GruppoSi terrà a novembre 2014 la terza edizione del Perugia Social Photo Fest, organizzato dall’associazione LuceGrigia, con l’intento di proseguire su un percorso di ricerca del significato delle immagini che produciamo e che ci circondano. Per approfondire e conoscere meglio questo interessante percorso, ho intervistato il Direttore artistico della manifestazione, Antonello Turchetti, che ringrazio per la disponibilità.

Che cos’è il Perugia Social Photo Fest (PSPF)?

E’ il primo festival dedicato alla fotografia sociale e alla fotografia terapeutica. Unico nel suo genere il PSPF è un contenitore di idee, un “luogo” dove la cultura e il sociale si incontrano, cercando di sensibilizzare l’opinione pubblica su temi e su aspetti moto spesso dimenticati ma che invece vale la pena che vengano raccontanti. Il PSPF infatti nasce come manifestazione socio-culturale centrata sul ruolo sociale e terapeutico della fotografia e che annualmente present

a al pubblico italiano ed internazionale progetti che si sviluppano nell’ambito della fototerapia, della fotografia terapeutica. Il PSPF si sviluppa infatti su due canali distinti: la fotografia sociale, di denuncia e riflessione, di riscatto di identità individuali e collettive, mezzo per dar voce agli “esclusi” e quindi strumento di inclusione sociale; la fotografia terapeutica intesa come mezzo di riattivazione della percezione e di uno stimolo interiore personale soprattutto laddove c’è una difficoltà di comunicazione per attivare quindi un processo di autocoscienza e di esplorazione del sé.

Da dove nasce l’idea di questa iniziativa?

Nella società attuale, definita società dell’immagine, è sempre più profonda l’esigenza di creare o forse ricreare una cultura dell’immagine. Viviamo circondati da immagini, ma spesso non sappiamo più distinguere genere e qualità; allo stesso modo oggi molti fotografano, ma pochi riescono davvero a raccontare e ad esprimersi attraverso le fotografie. Giornalmente siamo bombardati di immagini, dalla televisione, libri, riviste, giornali, pubblicità, su internet. Ma tutte queste immagini sono ben lontane da essere neutre: ogni qualvolta ne incontriamo una si attiva un processo, conscio o subconscio, che ci porta ad una relazione con quell'immagine, con quello che percepiamo con gli occhi. Questa relazione si attiva e si definisce in base al contesto delle nostre esperienze e i nostri ricordi. Interagiamo con l'immagine e questo accade anche quando quell'immagine non ci piace. Le immagini comunicano importanti messaggi sui nostri valori, la nostra identità, cosa vogliamo che gli altri vedano di noi, e come noi ci presentiamo al mondo. Le n

ostre immagini sono preziose, formano un ponte tra il passato e il presente, una memoria tangibile della nostra esistenza. L

a fotografia è un mezzo insostituibile per

 “fare memoria visiva”, è indispensabile per comunicare idee e culture di singoli e comunità. La fotografia può ispirare uncambiamento socialeattraverso la presa di coscienza sullo straordinario, bello o brutto, che è sotto gli occhi di tutti ma che molto spesso viene ignorato. La fotografia può essere uno strumento fondamentale di comunicazione, di riattivazione della percezione, di riattivazione di una spinta interiore personale soprattutto laddove c’è una difficoltà di comunicazione. È sempre più emergente infatti l'uso della fotografia in contesti di auto-esplorazione, comunicazione, espressione creativa e sviluppo personale. Essenzialmente, scattare una fotografia equivale a far un viaggio dove l'immagine finale rappresenta un punto di incontro che può essere sia la destinazione che il punto di partenza.  Ma di fatto l’azione di auto-esplorazione può avvenire in ogni punto del processo. Questo è possibile perché mentre il contenuto/soggetto della fotografia rimane lo stesso, la persona che la guarda si evolve, è mutevole. Il significato di una fotografia non è fisso e assoluto, ma si adatta alle esperienze e alle prospettive
dell’individuo che entra in relazione con l’immagine stessa. Guardiamo l’immagine con i filtri delle nostre vite, esperienze, la esploriamo attraverso la nostra personale prospettiva, le nostre paure, le nostre speranze e i nostri valori. Ed è proprio in questo che risiede il potere della fotografia come strumento di auto esplorazione ed è comprensibile come le sue applicazioni e le persone che possono accedere a questo medium sono pressoché infinite.

Il PSPF aspira diventare un centro di eccellenza che raccoglie esperienze e testimonianze da tutto il mondo, approfondendo gli studi con convegni, seminari e conferenze e  trasformandosi così in una manifestazione a tutto tondo. La sua innovazione è anche nella pluralità di questa sua forma, che racchiude cultura e sociale, psicologia e arte, professionalità e bisogni umani in un tutt’uno coerente e esaustivo. 

Nel mese di novembre 2014 ci sarà la terza edizione: quali saranno i temi?

Quest’anno l’intero festival ruota intorno al concept “Resisto”. Una parola semplice ma di forte impatto che si basa sul concetto psico-sociale della “resilienza”. La resilienza viene vista come la capacità dell’uomo di affrontare le avversità della vita, di superarle e di uscirne rinforzato  e trasformato positivamente. Le persone resilienti non sono dei super eroi, ma solo individui che hanno trovato in se stessi, nelle relazioni umane, nei contesti di vita, gli elementi e la forza di continuare a

 progettare il proprio futuro a 
dispetto di avvenimenti destabilizzanti, di condizioni di vita difficili, di traumi anche importanti.
Nell’ambito della prospettiva psicosociale il concetto di resilienza è utilizzato anche in riferimento ai gruppi e alle comunità 

per indicare una condizione che amplifica la coesione dei membri fortificando le risorse vitali di coloro che ne sono coinvolti.

Per coltivare l’umanità bisogna essere legati agli altri esseri umani e riconoscerli.

PSPF è un evento unico a livello mondiale o ci sono iniziative analoghe? Se sì, avete delle collaborazioni con loro?

Il PSPF è l’unico festival dedicato alla fotografia terapeutica e sociale a livello mondiale. Molte però sono le collaborazioni che le istituzioni che si occupano di fototerapia e fotografia terapeutica. Sin dal suo esordio, nel 2012, il PSPF collabora il PhotoTherapy Center di Vancouver (Canada) diretto da Judy Weiser, psicologa, arte terapeuta, formatrice, docente universitario, autrice del più importante libro in materia di fototerapia.

Qual è l’eredità delle precedenti edizioni?

Se il primo anno (2012) si è caratterizzato come un contenitore di sperimentazione per dare spazio ad un aspetto della fotografia ancora poco esplorato, il 2013 ha rafforzato l’identità del PSPF quale unico evento a livello europeo dall’elevato spessore culturale per la sua specificità nel focalizzarsi sulla fotografia terapeutica e sociale, diventando così luogo fondamentale per tutti coloro che ruotano in questo innovativo settore ottenendo così un successo inaspettato e raccogliendo l’interesse non solo di esperti del settore ma anche di tutti coloro che muovono i primi passi nella fotografia terapeutica. Questo ha permesso di attivare una serie di collaborazioni istituzionali con 

enti e centri nazionali e internazionali. Per citarne alcuni: il PhotoTherapy Center di Vancouver (Canada); lo Studio Arte Crescita , Milano; Shoot4Change, Roma; PhotoVoice, Londra;  Fotografi Senza Frontiere,  Milano; PsyForte Creative Centre, Russia;  L’Istituto di Terapie Familiari di Firenze diretto da Rodolfo de Bernart e L’ Internation Association for Art and Psychology di Bologna diretto da Stefano Ferrari.

Ci puoi fornire alcuni dati (quantitativi e qualitativi) sui partecipanti delle precedenti edizioni?

Molto sentita e partecipata la risposta del pubblico, specializzato e non, alle proposte presentate dal PSPF in questi anni.

I workshop tenuti da esperti internazionali come Cristina Nunez, artista spagnola fondatrice del metodo “The Self-Portrait Experience”; Sabine Korth, esperta in tecniche di photocollage; Ulla Halkola,  creatrice del metodo Spectrovision; il collettivo TerraProject, Sara Guerrini, foto editor del magazine “D di Repubblica”; Francesca Belgiojoso, psicoterapeuta esperta in tecniche di fototerapia; Sara Lusini, esperta in laboratori di fotografia espressiva per bambini e che realizza progetti “la mia inquadratura” in tutto il mondo; Fausto Podavini, fotografo, vincitore del Word Pr

ess Photo 2013 sezione Daily Life; Judy Weiser, fondatrice e direttrice del PhotoTherapy Center di Vancouver (Canada), hanno tutti avuto un successo enorme, con centinaia di iscritti.

La conferenza Internazionale Experiencing Photography svoltasi sia nel 2012 che nel 2013 ha visto la presenza di numerosi partecipanti provenienti da tutta Italia, ma, a conferma dell’importanza delle tematiche affrontate, ha registrato presenze anche da  Spagna, Slovenia, Argentina, Israele, Inghilterra, Belgio, Francia, Austria, Polonia, Russia.

Molti gli eventi organizzati dal PSPF in questi due anni: incontri e 

dibattiti con fotografi, visite guidate alle mostre e nel 2013 il festival, in collaborazione con Umbria Libri, ha presentato in anteprima nazionale l’edizione italiana del libro di Judy Weiser “PhotoTherapy Techniques. Exploring the Secrets of Personall Snapshots and Family Albums” pubblicato dalla Franco Angeli Ed. 

Qual è l’episodio che ricordi con maggior piacere delle precedenti edizioni?

Sono tantissimi gli episodi che ricordo con molto piacere, soprattutto l’incontro con personaggi, artisti e non, che hanno lasciato davvero tracce di una forte umanità. A tale riguardo vorrei riportare un commento di una partecipante al workshop di Judy Weiser: “It was very important to me in my return to normal life. Since participation in your workshop in Perugia in my life there have been many positive changes. You became a milestone in my life

Album…My life shows that art and photography heal and allow people to survive the worst moments of life. I am the art therapist who saved myself :) Now I know how to help others”. Mi permetto di sottolineare un “prodotto” delle PSPF che è il progetto “Cosmorama – paesaggi da un mondo plurale” che ha visto il coinvolgimento di quattro città italiane (Perugia, Vignola, Catania e Pesaro) nella creazione di un progetto di fotografia social volto a indagare la relazione tra “l’uomo e il suo paesaggio” e come l’uno influisca sull’altro e come l’uno genera l’altro. Il geografo Yi Fu Tuan af

ferma: “Quando lo spazio ci sembra familiare significa che è diventato un luogo”. Ogni persona si colloca nel suo spazio vitale in una posizione che mette in relazione continua il suo “mondo interno” con il mondo che lo circonda. È quindi con la vista, l’udito, l’olfatto e soprattutto con il proprio vissuto emotivo che il territorio acquisisce un valore. Il progetto “Cosmor

ama” è rivolto a persone che vivono una condizione di marginalità e utilizza, appunto la fotografia, come strumento di autoesplorazione del sé allo scopo di acquisire e sviluppare nuove potenzialità e nuove prospettive. Una nuova forma di terapia che coniuga il linguaggio dell’immagine (forme, colori, spazio) e la relazione con l’ambiente sia urbano che rurale. La mostra collettiva è stata presentata a Perugia durante il PSPF 13 ed è promossa, per tutto il 2014, nelle città coinvolte nel progetto.  Il progetto Cosmorama è stato selezionato anche al FacePhotoNews di Sassoferrato. Per me questo è un grandissimo risultato che dimostra come il festival non è solo un luogo espositivo ma ha in sé i presupposti per diventare un luogo in cui collaborare a progetti condivisi.

Cosa succede nei mesi precedenti e successivi alle edizioni del PSPF, in termini di contatti, iniziative?

Un intenso lavoro di organizzazione e di gestione. Direi non stop! Dopo l’edizione del 2013 abbiamo deciso di attivare attività che si sviluppino durante tutto l’anno sia per mantenere “vivo” il pensiero del festival sia per proseguire la mission del festival. Quest’anno abbiamo attivato lo spazio.lab con laboratori e incontri con i più importanti e innovativi fotografi italiani. Il lavoro più impegnativo è sicuramente rappresentato

Chi gestisce il PSPF? dalle gestione delle innumerevoli richieste di partecipazione al festival che arrivano letteralmente da tutto il pianeta. L’ultima in ordine cronologico è arrivata dall’India. Quest’anno abbiamo anche deciso di lanciare una “call for entry” che consentirà di presentare i propri progetti. La call è aperta a tutti fotografi professionisti e non. Nei prossimi anni è nostra intenzione coinvolgere le realtà sociali del nostro territorio (non solo quello regionale) in progetti di fotografia partecipa e progetti di fotografia terapeutica così da rendere il PSPF sempre di più interattivo.

Deus ex machina del festival è l’associazione di promozione sociale LuceGrigia di Perugia. L’associazione nasce con l’intento di promuovere e diffondere la cultura dell’integrazione sociale e della tutela dei diritti per l’evoluzione umana e sociale. In questi anni l’ass.ne ha promosso e realizzato progetti di solidarietà social per diffondere la cultura, in particolar modo la fotografia, come strumento di inclusione sociale con particolare attenzione alle persone a rischio di emarginazione. Tra i progetti più importanti vorrei citare il progetto E.T.R.A. Education Through Eehabilitative Art-Photo. ETRA è un progetto europeo che ha visto il coinvolgimento di

 sette partner provenienti da sei paesi europei (Italia, Spagna, Portogallo, Danimarca, Estonia, Grecia). Scopo del progetto è stato quello di promuovere, in persone adulte in condizioni di marginalità sociale, processi di empowerment individuali e l’apprendimento di competenze attraverso un percorso informale di apprendimento basato sullo stimolo della percezione artistica e della produzione di opere fotografiche. Il progetto si è concluso a dicembre 2013 ottenendo ottimi risultati che hanno appunto evidenziato come una metodologia basata anche sull’uso della fotografia è vincente e possa ottenere enormi risultati in termini di crescita personale e sociale.

Una citazione doverosa è per tutti i volontari che con grande coraggio ed entusiasmo ci hanno aiutato in questi anni.

E quali sono le partnership?

Credo di aver già risposto precedentemente. In aggiunta posso dire che dal 2013 abbiamo attivato una collaborazione con il Festival della Fotografia Etica di Lodi e per quest’anno stiamo lavorando per sancire una collaborazione con l’OpenBorder Festival di Amsterdam, l’associazione di fototerapia Finlandese e l’agenzia spagnoal NWNPhoto, la prima agenzia fotografica gestita in collaborazione con fotografi con disabilità Intellettive. Altre partneship importanti sono con la “Dama Sognatrice” casa di produzioni audiovisive in HD con la quale stiamo lavorando alla realizzazione di un docu-film su Judy Weiser e sull’uso delle tecniche di fototerapia. Cito inoltre l’ass.ne Sementerna Onlus, l’Istituto Gaetano Benedetti, la fondazione Guglielmo Giordano e la rivista di tecnica e cultura fotografica FOTOCULT.

Come si sostiene il PSPF sul piano economico?

Questo è un tasto dolente del festival. Per le prime due edizioni abbiamo potuto anche contare sulla raccolta fondi crowdfunding che ha visto un’ampia partecipazione di tantissime persone che hanno creduto e credono nel nostro progetto. I sostenitori dell’anno passato sono stati coinvolti in un progetto di arte sociale partecipata che verrà messo in mostra nell’edizione di quest’anno. Questo a conferma che il festival ha davvero una natura sociale. Il festival è pressoché fondato sul volontariato dei membri dell’ass.ne LuceGrigia e appunto sui volontari che ogni anno ci chiedono di partecipare all’organizzazione. Ma il volontariato non è più sufficiente. E’  mia intenzione far crescere il festival a livello internazionale affinché davvero diventi un punto di eccellenza nel panorama italiano e non solo. Stiamo ancora aspettando l’ingresso di investitori pubblici e privati che abbiano il coraggio e la lungimiranza di investire in un progetto, nato dal basso, ma che sta riscuotendo un ampio consenso a livello planetario.

In che rapporto siete con le Istituzioni?

E’ grazie al sostegno della Regione Umbria, Provincia di Perugia e del Comune di Perugia che il PSPF è riuscito a diventare una realtà. Nonostante i tagli alla cultura e al sociale tutti e tre gli Enti si sono mostrati sin da subito molto attenti alla sp

ecificità del festival mettendoci a disposizioni le più belle location dell’Umbria. L’edizione 2012 si è svolta a Spello nella suggestiva cornice di Villa Fidelia; nel 2013 il festival è stato ospitato Perugia presso gli spazi espositivi della Rocca Paolina e del Centro di Cultura Contemporanea di Palazzo Penna. L’edizione 2014 sarà interamente presso il Museo Civico Palazzo Penna che, a partire dalla sua originaria identità di museo, si è oggi evoluto in un vero e proprio “Centro di cultura contemporanea”. Spazio poliedrico e vitale in cui si svolgono moltissime manifestazioni culturali del Comune di Perugia.

Che cosa pensi delle tecnologie e applicazioni attuali in campo fotografico? La possibilità di condividere in tempo reale e il fatto che la condivisione nel Web può raggiungere ogni angolo del mondo facilita gli obiettivi sociali del PSPF?

Non mi preoccupa tanto l’evoluzione della tecnologia, del resto è inevitabile, quanto piuttosto l’approccio all’immagine. Ma di questo ne ho già ampliamento parlato in precedenza. La necessità di condivisione è frutto di quest’epoca dove la visibilità virtuale ha preso il sopravvento all’identità reale. D’altro canto è proprio grazie al web che si ha la possibilità di comunicare con gli angoli più estremi del mondo e di conoscerli. Quindi davvero questo è un argomento estremamente complesso da affrontare. Per quanto riguarda il PSPF posso solo dire che molto del mio lavoro avviene anche attraverso i social network, a gruppi specifici e tematici. Il web rappresenta il modo più diretto per dialogare e per diffondere anche gli obiettivi del festival. Ma l’arte e quindi anche la fotografia non può prescindere dal rapporto reale, dal rapporto umano. Se la fotografia è diventata un linguaggio di massa, estremamente accessibile, popolare, ecco allora davvero è necessario ri-creare una cultura dell’immagine ponendo l’attenzione sul potere e il ruolo sociale del linguaggio visivo.

E cosa pensi delle arti terapie in Italia? A che punto siamo? O dove potremmo/dovremmo essere?

In questi ultimi anni l’arte terapia in Italia ha visto un grandissimo sviluppo e questo è solo positivo. Mi sono diplomato arte terapeuta da pochi mesi e negli ultimi tre anni ho assistito ad crescente interesse verso queste tecniche. Del resto la conferenza “Experiencing photography” che ogni anno organizzo in occasione del PSPF registra sempre un’affluenza importante. Basti pensare che nel 2013 abbiamo dovuto usare una sala attigua con schermi aggiuntivi visto le centinaia di presenze. Da gennaio 2013 inoltre figure professionali come quella dell’arte terapeuta sono ufficialmente riconosciute dal Governo Italiano con l’approvazione della legge “Disposizioni in materia di professioni non organizzate” del 19/12/12.  Questa legge è un passaggio importantissimo e fondamentale, ma ancora c’è molta strada da fare soprattutto affinché la figura dell’Arte terapeuta possa essere integrata nelle terapie classiche e in tutte le relazioni d’aiuto. Purtroppo è ancora molto presente il preconcetto sull’uso dell’arte come strumento di espressione e di auto esplorazione. Se penso a paesi come l’Inghilterra, la Francia, per rimanere in Europa, beh…c’è ancora molto lavoro da fare. Ma ripeto: il crescente interesse registrato in questi anni mi fa davvero ben sperare.

Henry Cartier-Bresson ha affermato che, per guardare bene, bisognerebbe imparare a diventare sordomuti. E’ condivisibile questo con gli obiettivi del PSPF?

La risposta non può che essere affermativa. La fotografia, come l’arte, può essere usata come terapia per aiutare le persone a comprendere “cosa c’è di nascosto”. Citando Judy Weiser, “una fotografia, intesa come “un tutto”, è decisamentedi più della semplice somma dei singoli dettagli che la compongono. Per questo motivo le foto sono strumenti perfetti per catturare tutto contemporaneamente! Certo, è importante considerare ciascun aspetto di una fotografia, ma “la sua storia” (e il contenuto emotivo che chi la guarda vi collega) va al di là della somma di questi “fatti” visivi, ed è anche diversa per ogni individuo che osserva.

Siamo in un Paese da lungo tempo in crisi economica. La fotografia sociale secondo te come potrebbe contribuire ad una inversione di tendenza?

Tra le conseguenze della crisi economica si registra sempre di più un profondo senso di smarrimento e di paura nei confronti di un futuro sempre più incerto. Una paura dettata dalla perdita di punti di riferimenti che spe

sso coincidono con la perdita del proprio lavoro, della capacità di far fronte alle spese della propria famiglia, ecc. Da stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità emerge un’oggettiva correlazione (coincidenza) tra l’aumento della disoccupazione e la crescita di suicidi che si è verificata in Europa negli ultimi cinque anni. E’ evidente che la crisi economica ha forti ripercussioni anche nell’ambito della salute. Il disagio, la mancanza di fiducia, il non “vedere alternative” sono alcuni delle conseguenza di un sistema economico e quindi sociale che è al collasso. Questo tipo di “sofferenza” non può essere affrontata solo in termini di terapie mediche ma serve, secondo me, un approccio multidisciplinare. In questo caso la fotografia può essere un valido strumento per ritrovare una “chiave di lettura” della propria vita, per scoprire o riscoprire capacità che si pensava di non possedere o di aver perduto. Uno strumento per “rileggere” il proprio passato al fine di trovare le spinta interiore per affrontare il proprio presente. In questa ottica mi sento di parlare appunto di fotografia terapeutica che ha una valenza sociale. E il lavorare sui singoli non può far altro che agevolare un cambiamento collettivo.

Nei social network le immagini sono fondamentali per cercare di emozionare, promuovere, coinvolgere. Ma per te quanta ricaduta c’è poi sul piano sociale umano? E come potrebbe essercene di più?

Il fenomeno delle immagini nei social network è un fenomeno in grande evoluzione e che è diventato oggetto di studi, ricerche, dibattiti basti pensare al fatto che la parola “selfie” è stata consacrata come parola dell’anno 2013. Fare delle considerazioni in questo caso è molto complesso anche perché non potrei mai comprendere appieno il motivo per il quale una persona decide di “postare” un’immagine piuttosto che un’altra. Ogni immagine, ogni scatto, racconta una “verità” che è quella del suo autore ed è difficile decifrarne il valore semplicemente guardando uno schermo. Al massimo possiamo “proiettare” il nostro significato ma senza un reale scambio verbale con il suo autore. E quindi rimane una proiezione di significato. Instagram per esempio è un social estremamente interessante che ci permette di accedere alla “quotidianità” di tutto il globo. Si può vedere quello che l’altro fa durante la giornata, vedere cosa sono le cose, i luoghi che più lo interessano, vedere come uno stesso pensiero venga tradotto in un immagine fotografica. Da fotografo, ma soprattutto da arte terapeuta, trovo molto interessante fare delle ricerche su Instagram attraverso gli hashtag: si ha in un colpo solo la traduzione “globalizzata” di un concetto…e con non poche sorprese! Tutto questa produzione di immagini se da un lato accorcia, per così dire, le distanze, dall’altro sta producendo una stereotipia di immagini. In questa ottica credo che sia assolutamente necessario riappropriarsi del reale significato della fotografia.

Cosa diresti come invito a partecipare al prossimo PSPF?

Il PSPF 14 sarà un’edizione con lavori di grande impatto emotivo, che ci auguriamo potranno suscitare importanti riflessioni. Cosa dire? Semplicemente “Resisto!”.

Una carrellata densa di notizie, significati, iniziative, emozioni. Questa è l'immagine (appunto) del mio incontro con Antonello, che costituisce uno stimolo forte a seguire l'evoluzione del PSPF di cui, come abbiamo visto, fervono i preparativi. Proprio in questi giorni è stata infatti attivata la "call for entry" che avrà scadenza il 31 luglio 2014.

Il sito del PSPF è consultabile cliccando qui.